Regolarizzazione pozzi e scarichi in pubblica fognatura

In applicazione e nel rispetto della normativa vigente, i rappresentanti degli ATI n. 1 e 2 dell'Umbria nell'Assemblea Unica del 15 febbraio 2012 con Delibera n. 2 hanno disposto di regolarizzare la posizione di tutti coloro che si approvvigionano in tutto in parte da pozzi e che scaricano in pubblica fognatura, facendo distinzione tra usi domestici e usi diversi dai domestici.

L' adesione alla regolarizzazione non comporta applicazione di penali e/o sanzioni.

1) USO DIVERSO DAL DOMESTICO

coloro che fanno un uso diverso dal domestico delle acque prelevate da pozzi , fermo restando l'obbligo di denunciare annualmente ad Umbra Acque S.p.A. il quantitativo prelevato/scaricato (art. 165 comma 2 Dlgs 152/2006), dovranno:

  1. a propria cura e spese installare idonei contatori di misura della portata delle acque prelevate e curarne il buon funzionamento nel tempo;
  2. inoltrare richiesta alla competente Autorità di Ambito Territoriale Integrato di autorizzazione allo scarico di reflui industriali o assimilati ai domestici;
  3. stipulare apposito contratto con Umbra Acque S.p.A.:

2) USO DOMESTICO

Coloro che fanno un uso domestico delle acque prelevate dai pozzi in via transitoria, nelle more dell'installazione dei contatori di prelievo/scarico, dovranno comunque pagare il corrispettivo dovuto per la fruizione del servizio fognatura e dell'eventuale depurazione.

La tariffa è composta da una quota fissa (della stessa misura prevista per le utenze domestiche) e da una quota variabile da quantificare sulla base di specifici parametri e indici presuntivi di consumo (tenendo conto della dotazione minima pro capite giornaliera di 150 l/ab/g prevista dal DPCM 4 marzo 1996, moltiplicata per il numero dei componenti del nucleo familiare e sino a 500 mc/anno, livello massimo di risorsa idrica attingibile annualmente dai pozzi privati ad uso domestico come previsto dall'O.p.g.r. n. 126 del 26/11/2011).

Ai fini della regolarizzazione tutti costoro, fermo restando l'obbligo di denunciare annualmente ad Umbra Acque S.p.A. il quantitativo prelevato/scaricato (art. 165 comma 2 Dlgs 152/2006), dovranno stipulare apposito contratto con Umbra Acque S.p.A.:

È fatta salva ed impregiudicata ogni successiva attività di verifica e controllo che potrà essere effettuata ai sensi e per gli effetti della normativa vigente, in materia di scarichi e di relative autorizzazioni, che prevede responsabilità anche di natura penale.